Terza Sintesi. Palco e Hierofania.

 
Perché il palco?
Come accennato nelle prime due sintesi il palco è uno spazio privilegiato di studio, allenamento, prova e relazione, nonché un luogo per il Sacro, così come ogni luogo sacro è uno spazio di rappresentazione e rituale. Il palco è uno spazio di scoperta, di gioco, di comunicazione ed è anche un Altro Spazio e un Altro Tempo. E’ un luogo di responsabilità, di passaggio, di manifestazione, è contemporaneamente significante e significato, è simbolo, è uno spazio offerto per la cosmogonia, gestazione e nascita di altri mondi, in cui questo si comprende e si rivela. Vedere il Mondo stesso come Palco, significa fare della vita stessa un Atto Sacro, e passare dalla Prima Attenzione alla Seconda Attenzione.Il personaggio con cui l’attore (inteso come l’artista dell’istante) entra in relazione è il pretesto e contesto di questo approccio, lungi dall’alienazione e dalla rappresentazione stereotipata.

Intendiamo qualsiasi tipo di palco e il teatro che qui proponiamo come Hierofania, per dirla con Mircea Eliade, ovvero come “spazio di manifestazione del sacro”. Il sacro è legato direttamente al concetto sopra espresso del meglio di noi, del Sè che pulsa col tutto, lo emana, lo rivela e ne è trasformato. Il sacro non è inserito in contesto religioso, ma certo riverbera nel re-ligare con l’altro da noi, il trascendente, il versante scordato, il mistero, il mito, l’archetipo, l’umanismo del divino in noi, possibili Poeti dell’Invisibile. Cosa intendiamo per Invisibile?
Quando abbiamo parlato, nelle precedenti sintesi, di Osservazione e Sensibilità, dei livelli dell’essere umano e dei piani della realtà, stavamo introducendo il concetto di Invisibile.

L’allenamento dello Sguardo o Osservazione e della Sensibilità, porta all’ampliamento esponenziale della percezione della realtà, partendo dal piccolo, dal semplice, dal minimo e dal non manifesto, facenti parte di ciò che esiste tanto quanto ciò che possiamo vedere e toccare. Non parliamo solo degli aspetti energetici, esoterici, misterici, trascendenti della vita, ma ovviamente anche quelli infinitesimali della materia, quindi della fisica, in prospettiva quantistica,con le sue onde i suoi salti quantici, con il vuoto e con tutto ciò di cui percepiamo l’esistenza ma che è appunto in-visibile, prima fra tutti l’Aria, che allo stato puro è invisibile, ma anche il sentimento, il passato, il futuro, il lontano, semplificando: l’immaginario.  L’esercizio fondamentale che ci dobbiamo permettere prima di tutto e quello, infatti, dell’immaginazione. Senza immaginazione non possiamo neanche iniziare a “visualizzare” l’aria che attraversa il nostro corpo, né pensare un modo diverso di agire, né comprendere l’altro e ovviamente proporci Miti e Archetipi da attualizzare o gesti da spiritualizzare, non siamo in grado né di creare alternative né di accedere a nuovi spazi.